We noticed that you're using an unsupported browser. The TripAdvisor website may not display properly.
We support the following browsers:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
WINNER WONDERLAND
Win Big When You Book on TripAdvisor

Il Capestrano Ristorante Abruzzese

#86 of 6,367 Restaurants in Milan
Certificate of Excellence
Map
Satellite
Map updates are paused. Zoom in to see updated info.
Reset zoom
Updating Map...
Neighbourhoods
Neighbourhoods
Get directions
Via Gian Francesco Pizzi 14 | Traversa Via Ripamonti, 20141 Milan, Italy
+39 02 569 3345
Website
Sunday
Closed
Hours:
Mon - Fri 12:30 - 14:30
Mon - Sat 19:30 - 23:00
More Info
Add Photo Write a Review

780 Reviews from our TripAdvisor Community

Traveller rating
Traveller type
Time of year
Language
  • More
Showing 27: English reviews
Milan, Italy
Level Contributor
539 reviews
463 restaurant reviews
common_n_restaurant_reviews_1bd8 169 helpful votes
4 of 5 bubbles Reviewed 4 weeks ago

We enjoyed a few plates typical from Abruzzo region with very good flavours and original set-up on the plate, including sheep liver sausages and "pizz e foje" sauté green broad-leaved vegetables on top of a maize bread slice. Others were very pleasant if less surprising including arrosticini - little skewers of tender sheep meat, lightly oven-cooked, and a chickpea soup... More 

Helpful?
Thank GianlucaMarcellino
2 reviews
common_n_restaurant_reviews_1bd8 1 helpful vote
5 of 5 bubbles Reviewed 5 weeks ago via mobile

A refined authentic Italian restaurant that has wide menu options and served with incredible flavours and attention to detail. Absolutely loved it and we were so grateful to Serena for her beautiful menu recommendations and service. Era squisito!

Helpful?
Thank Di L
Exeter, United Kingdom
Level Contributor
86 reviews
52 restaurant reviews
common_n_restaurant_reviews_1bd8 29 helpful votes
4 of 5 bubbles Reviewed 15 July 2016

For most of the week (month) I eat very little meat, and strongly believe that people everywhere should reduce meat intake, for their own health and to limit the impact on the planet. That said, if and when you do choose to partake of the flesh of animals, at least be sure that the quality is of the best. Il... More 

Helpful?
Thank AngusmacTV
Beirut
Level Contributor
209 reviews
147 restaurant reviews
common_n_restaurant_reviews_1bd8 94 helpful votes
3 of 5 bubbles Reviewed 24 April 2016 via mobile

This restaurant in the revamped industrial area of Milano serves dishes from the southern area of Abruzza (whereby the dialect used for the name of the dishes on the menu). Lots of unusual specialties (the explanation at the beginning of the menu is of great help), cured meats and cheeses. The setting is a mixture of traditional and modern, with... More 

Helpful?
Thank 1001night
Milano, Lombardia, Italy
Level Contributor
7 reviews
6 restaurant reviews
common_n_restaurant_reviews_1bd8 2 helpful votes
5 of 5 bubbles Reviewed 14 April 2016

Despite surroundings, the restaurant is very nice, staff is lovely and food is great form bread to grilled meat or the sheep stew. BRAVI!

Helpful?
Thank Fabrizio F
Milan, Italy
Level Contributor
34 reviews
22 restaurant reviews
common_n_restaurant_reviews_1bd8 36 helpful votes
4 of 5 bubbles Reviewed 24 March 2016

Tucked away in a small alley off Via Ripamonti "Il Capestrano" is a little heaven for meat lovers. My partner is, I am not. And yet i had a satisfying dinner. The elegant eggplant "tortino" was tasty, albeit somewhat heavy, but the fettuccine with porcini mushroom and truffle was simply perfect. The large cold cuts plate was enticing and I... More 

Helpful?
Thank mariomi2014
Milan, Italy
Level Contributor
1,215 reviews
806 restaurant reviews
common_n_restaurant_reviews_1bd8 412 helpful votes
5 of 5 bubbles Reviewed 12 November 2015

in an area and a street which would not be that inspiring , great refinement, a great welcome, and lovely food, amazing service and a very interesting and lovely dinner . we will be back!

Helpful?
Thank nicolas s
Wlavita11, Proprietario at Il Capestrano Ristorante Abruzzese, responded to this review
Google Translation

Grazie per la bella recensione! spero di avervi ancora graditi ospiti! More 

Level Contributor
9 reviews
5 restaurant reviews
common_n_restaurant_reviews_1bd8 3 helpful votes
5 of 5 bubbles Reviewed 14 October 2015

The restaurant has amazing food: great arrosticini, great cheese with truffles and amazing pasta and wines. It is a bit outside (taxi needed) but definitely worth the visit. I am from abruzzo and i visited the restaurant 3-4 times with friends from zurich and everything was absolutely great

Helpful?
Thank Roberto D
Wlavita11, Proprietario at Il Capestrano Ristorante Abruzzese, responded to this review
Google Translation

Un ringraziamento particolare a Rioberto che ci rende molto felici, con la sua ottima recensione :-))) More 

Fullerton, California
1 review
5 of 5 bubbles Reviewed 29 September 2015 via mobile

I was at that restaurant with a friend.. They have the best pasta in town.. Definitely I'll be back for it one more time...

Helpful?
Thank Jalal77
Wlavita11, Proprietario at Il Capestrano Ristorante Abruzzese, responded to this review
Google Translation

Grazie per la breve ma "intensa" recensione ;-))) More 

milano
Level Contributor
33 reviews
23 restaurant reviews
common_n_restaurant_reviews_1bd8 16 helpful votes
5 of 5 bubbles Reviewed 7 September 2015 via mobile

One of the best restaurant of Milan! The Abruzese cuisines is very tasty and the restaurant offers dishes that respect this tradition carefully and result ideal both for summer and winter. The location is very nice, with high quality furnitures and the waiters are really looked after. I had handmade spaghetti with truffle and mushrooms and arrosticini with cicoria and... More 

Helpful?
Thank gaia a
Wlavita11, Proprietario at Il Capestrano Ristorante Abruzzese, responded to this review
Google Translation

Ringrazio per l'ottima recensione e spero di rivedervi presto! More 

Travellers who viewed Il Capestrano Ristorante Abruzzese also viewed

 
Milan, Lombardy
Milan, Lombardy
 

Been to Il Capestrano Ristorante Abruzzese? Share your experiences!

Write a Review Add Photos & Videos

Is This Your TripAdvisor Listing?

Own or manage this property? Claim your listing for free to respond to reviews, update your profile and much more.

Claim Your Listing
Improve this listing

Restaurant Details

Rating summary
  • Food
    4.5 of 5 bubbles
    Service
    4.5 of 5 bubbles
  • Value
    4 of 5 bubbles
    Atmosphere
    4.5 of 5 bubbles
Average prices
US$32 - US$85
Cuisine
Barbecue, Italian, Mediterranean, Soups, Gluten Free Options
Meals
Lunch, Dinner, After-hours
Restaurant features
Wheelchair Accessible, Free Wifi, Reservations, Seating, Waitstaff, Street Parking, Highchairs Available, Serves Alcohol, Accepts American Express, Accepts Mastercard, Accepts Visa
Good for
Romantic, Special Occasion Dining, Groups, Local cuisine, Child-friendly, Business meetings
Open Hours
Monday
12:30 - 14:30
19:30 - 23:00
Tuesday
12:30 - 14:30
19:30 - 23:00
Wednesday
12:30 - 14:30
19:30 - 23:00
Thursday
12:30 - 14:30
19:30 - 23:00
Friday
12:30 - 14:30
19:30 - 23:00
Saturday
19:30 - 23:00
Location and Contact Information
  • Address: Via Gian Francesco Pizzi 14 | Traversa Via Ripamonti, 20141 Milan, Italy
  • Location: Europe  >  Italy  >  Lombardy  >  Milan
  • Phone Number: +39 02 569 3345
Description
Il localeIl Ristorante 'Il Capestrano' propone una cucina tipica abruzzese, volta alla riscoperta dei piatti genuini e tradizionali della gastronomia regionale.I toni del ristorante sono caldi e studiati punti luce creano un'atmosfera intima ed avvolgente.La cucinaLa cucina abruzzese la si può definire come un insieme di gusti diversi, che si articola attorno ad alcuni tipici piatti principali.Da sempre terra di grande tradizione agricola e pastorale, l'Abruzzo offre a chi lo visita un'ampia scelta di profumi e sapori. Per i primi piatti primeggiano i maccheroni alla chitarra , un La Chitarra impasto di uova e farina di grano duro tirato in sfoglie e tagliate con la "chitarra", un attrezzo tradizionale costituito da un telaio in faggio avente nella parte superiore un'incordatura di fili d'acciaio serrati e paralleli sui quali si pressano le sfoglie con un matterello: si creano così i caratteristici maccheroni alla chitarra di profilo quadrati e ottimi con i tanti sughi tipici abruzzesi (più avanti descritti). Ancora tra i primi emergono i maccheroni alla molinara e i cannelloni all'abruzzese, tranci di sfoglia arrotolati e ripieni di carne mista (pollo, vitello, maiale). Per i condimenti si evidenziano la salsa all'abruzzese , sugo di castrato , ragù di salsiccia , ragù d'oca.A questi si affiancano " sagne e fagioli ", zuppa di fagioli con tagliolini rustici d'acqua e farina, condita con sugo brodoso di pomodoro fresco, aglio, olio e l'onnipresente peperoncino piccante. Tra le cucine zonali, notevoli gli "gnocchi carrati" aquilani, conditi a pancetta, uova e pecorino. Dal teramano emergono le "scrippelle", "crepes" rusticane di atavismo francese, servite "m'busse" (bagnate, cioè in brodo) o usate per costruire sontuosi sformati, conditi con poco ragù, e farciti di fegatini di pollo, polpettine al burro, uova sode e pecorino fresco: le virtù , antica ricetta di verdure che l'usanza vuole si consumi agli inizi di maggio. Fanno degna corona i ravioli ripieni di ricotta con zucchero e cannella, conditi con un denso ragù di maiale; la "pastuccia", stufato di polenta con salsicce, uova e pecorino grattugiato.Nei secondi piatti primeggiano a monte l'agnello, a mare il pesce. L'agnello arrosto, pietanza base rustica e gustosa, ha sapide varianti negli " arrosticini ", esili spiedini lignei con pezzetti di castrato cotti a brace viva; nella Agnello al cotturo , stufato con ricco corteo d'erbe di montagna nel caldaro di rame dei pastori; infine nell' Agnello cacio e ovo , una saporosa rustica fricassea. A questo principe pastorale delle carni fanno corona notevoli piatti di selvaggina - il cinghiale è di casa - e di animali da cortile, talora più rustici, conigli e polli in padella o al forno, con verdure ortaggi, aromi, in un'esplorabile varietà di gusti; talaltra più raffinati, come la galantina o il tacchino alla canzanese di area teramana, piatti freddi con gelatine ricavate dalle stesse vivande, dai sapori molto "alti", insieme netti e morbidi. Il pesce variegato dell'Adriatico ha trovato il suo esito canonico nei tre "brodetti" base, tre varianti con epicentri Giulianova, Pescara e Vasto , dello splendido intingolo, cotto nel tegame di coccio con pomodoro fresco e aromi vari, ricco di suggestioni e sentori marini, con il rialzo finale del peperoncino piccante, qui emergente in luogo del pepe. Altro capitolo inevitabile è quello delle pizze rustiche, dalla pizza di Pasqua (un panettone rustico con formaggio e pepe di area teramana), ai fiadoni chietini, impasti uovo/formaggio ben gonfi cotti al forno in una sottile sfoglia di pasta legata a fazzoletto, alle onnipresenti crostate rustiche, spesso impreziosire dall'involucro di pasta frolla dolce, ripiene d'ogni ben di Dio: uova, salsicce, formaggi freschi, ricotta, verdure, con tutti gli aromi e spezie che fantasia e gusto hanno escogitato. E che dire di salumi e formaggi? Come perdersi le salsicce da spalmare teramane profumate di noce moscata, le salsicce di fegato della montagna agliate e piccanti, o la mirabile ventricina dell'Alto Vastese, grossi pezzi di grasso e magro dalla spalla e dal prosciutto, pressati e maturati con peperone dolce in polvere e sentori di finocchio e peperoncino, all'aria di montagna, nello stomaco essiccato del maiale stesso? O i pecorini e le mozzarelle che costellano valli e colline, da quelli famosi di Atri e Rivisondoli, alle miriadi, freschissimi o sapientemente stagionati, di cui l'appassionato può tracciare a suo gusto una mappa personale? I dolci abruzzesi sono famosi nel mondo: chi non conosce i confetti di Sulmona della ditta William Di Carlo e Pelino Confetti? E il Torrone Nurzia tenero al cioccolato dell'Aquila, tante volte invano imitato? E il Parrozzo Il Parrozzo dell'azienda dolciaria Luigi D'Amico di Pescara, battezzato da D'Annunzio, dall'impasto superbo di mandorle grossolanamente pestate? Ma questi capolavori d'alta pasticceria non facciano tralasciare i dolci tradizionali, spesso sorprendenti, sempre squisiti: le ferratelle , cialde all'anice cotte in una pinza rovente a larghe ganasce scanalate, la cicerchiata , palline di pasta fritte legate a ciambella con miele cotto, il croccante , specie di torrone di mandorle e zucchero caramellato, profumato al limone, i mostaccioli, sostanziosi biscotti addolciti con il mosto cotto; e poi i pepatelli teramani , biscotti di tritello, mandorle e miele ben pepati; e ancora, da Guardiagrele i pesanti amaretti e le aeree sise delle monache, tricorni di pan di spagna alla crema; e da Lanciano i bocconotti con la farcia di mandorle e cioccolato. Una cucina così varia richiede vini adeguati e altrettanto diversificati, che i terreni collinari abruzzesi provvedono a produrre. Tre grandi vini, rosso, rosato e bianco: il Montepulciano d'Abruzzo, vino rosso di pieno corpo cha da giovane è vivo e robusto, invecchiato acquista una nobile e senterosa austeritàil Cerasuolo d'Abruzzo, chiaretto rosso ciliegia (non rosato) ottenuto scremando il capello del Montepulciano durante la fermentazione. A temperatura ambiente o poco fresco fa buon viso a primi piatti e carni bianche, freddo celebra mirabili sponsali con il brodetto rosso di pesce.il Trebbiano d'Abruzzo è un bianco asciutto e armonico, acidulo a ben fruttato, dosato spesso di più stoffa e sostegno dei suoi progenitori settentrionali. Vuole soprattutto pesci (antipasti, arrosti, fritture e brodetti bianchi), ma fa grandi feste anche con primi piatti in brodo o in bianco, a pietanze ben levigate, fritti misti e carni in gelatina.E non solo. Nel Teramano si producono, in piccole quantità ed eccellenti qualità, il Montonico di Bisenti e Cermignano, il Dorato del Sole di Controguerra e il Sammarco di Cologna. Nell'Aquilano, terra montanara, il poco vino è frutto delle grandi valli, soprattutto quella Peligna che produce il Novellino, un rosatello diverso dal Cerasuolo, vinificato a Pratola, Corfinio, Raiano, Prezza e Bugnara. L'altra grande valle, quella del Fucino, è luogo di produzione del Marsicano, un rosso (ma esiste anche in versione bianco o rosato) che val la pena gustare nelle cantine del posto in quanto scarsamente commercializzato altrove.Tra i distillati prodotti con le erbe delle montagne d'Abruzzo troviamo l'ampia produzione di liquori, iniziando dal Punch Abruzzo©, della ditta Evangelista di Sambuceto (CH), il noto e fortissimo Centerbe (72 gradi) della ditta TORO di Tocco da Casauria, a cui si affiancano la genzianella, il nocino e il ratafià a base di amarene. C'è poi l'Amaretto di San Valentino, paese dell'Abruzzo citeriore, ricco di cultura, storia, grande tradizione, e la passione di Monica per l'Arte e sapori d'Abruzzo sapientemente curata con lavorazione artigianale.A questo punto perché non parlare anche della liquirizia di Atri Menozzi De Rosa.La cantinaIl Montepulciano è considerato da diversi anni uno tra i grandi vitigni a bacca rossa d'Italia.Si hanno notizie certe sulla sua presenza in Abruzzo sin dalla metà del ‘700 ed oggi esso rappresenta più della metà della base ampelografica regionale, oltre ad essere il vitigno di riferimento della doc Montepulciano d'Abruzzo, che conta anche la tipologia Cerasuolo.Il vitigno bianco Trebbiano d'Abruzzo dà origine invece all'omonima doc, altra protagonista della storia vinicola della regione.Il territorio abruzzese è naturalmente predisposto alla vitivinicoltura, collocato com'è tra il mare Adriatico e i massicci del Gran Sasso d'Italia e della Majella, nell'ambito dei quali si snodano tre Parchi Nazionali e più di dieci tra riserve nazionali e regionali.Gli imponenti massicci del Gran Sasso e della Majella, siti a breve distanza dal mare, generano forti escursioni termiche tra giorno e notte che, associate ad una buona ventilazione, garantiscono alla vite un microclima ideale per vegetare e produrre uve di straordinaria qualità.Presente da secoli nella Valle Peligna, in provincia dell'Aquila, la viticoltura abruzzese si è sviluppata soprattutto negli ultimi 40-50 anni: è pertanto una viticoltura giovane, specializzata, molto razionale, che ha via via abbandonato le aree più difficili per ridistribuirsi in quelle più vocate della collina litoranea.La vitivinicoltura abruzzese, che rappresenta il comparto di maggiore importanza nell'ambito della produzione agricola regionale, conta su 36 mila ettari di superficie vitata per una produzione annua di 3,8 milioni di ettolitri; la produzione di vini a denominazione di origine raggiunge il milione di ettolitri, oltre 800 mila dei quali sono di Montepulciano d'Abruzzo, 192 mila di Trebbiano d'Abruzzo e 4 mila ciascuno per la doc Controguerra e per il Montepulciano d'Abruzzo “Colline Teramane” che dalla vendemmia 2003 può fregiarsi della Docg.Le aree produttive si concentrano per la quasi totalità nella zona collinare: in particolare, nella provincia di Chieti ricade oltre il 75% del territorio vitato, seguono Pescara e Teramo con circa il 10% cadauna ed infine L'Aquila con meno del 4%.La forma di allevamento maggiormente diffusa in Abruzzo è la pergola abruzzese che rappresenta oltre l'80% del vigneto regionale mentre nei nuovi impianti e reimpianti prevale nella maggior parte dei casi la forma a filare (cordone speronato, cordone libero, gdc).Tra i vitigni più diffusi, come abbiamo già ricordato, troviamo il Montepulciano che viene coltivato su circa 17 mila ettari, con un trend in continua crescita considerato che negli ultimi 2-3 anni oltre il 70% dei nuovi impianti sono stati realizzati con questo vitigno; seguono i Trebbiani con circa 14 mila ettari ed una serie di vitigni tra autoctoni, nazionali ed internazionali quali la Passerina, il Pecorino, la Cococciola e poi Sangiovese, Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Merlot.I tre quarti della produzione complessiva di vino in Abruzzo provengono da 40 cantine cooperative (32 delle quali operanti in provincia di Chieti) che unitamente a quelle private compongono un quadro di 160 aziende di trasformazione, 120 delle quali imbottigliano con propria etichetta.

Questions & Answers

Here's what previous visitors have asked, with answers from representatives of Il Capestrano Ristorante Abruzzese and other visitors
1 question
Ask a question
Questions? Get answers from Il Capestrano Ristorante Abruzzese staff and past visitors.
Posting guidelines
Typical questions asked:
  • Do you have gluten-free options?
  • Is there a dress code?
  • Do you allow dogs on the outdoor patio?